I Vangeli a Scampia. Un intreccio di periferie

Sull’onda dell’adagio di papa Francesco: «Occorre che la Chiesa esca verso le periferie», quest’opera può essere interpretata, innanzitutto, proprio come un atto di “uscita”: aprire una finestra su quella periferia stupenda che è lo spaccato del Vangelo stesso. Periferia che parla alle periferie, Galilea delle genti restituita alle genti. Linguaggio popolare che torna a farsi interprete del linguaggio popolare, cioè capace di farsi comprendere da ciascuno «nella lingua nativa» (At 2,6).

Questo impatto vuole essere promosso da una terza “periferia”: quella delle donne nella Chiesa, ma anche e ancora, in moltissimi casi, nella società civile; quella delle tante donne laiche che lavorano e impiegano un autentico ministero al servizio della Comunità umana, civile ed ecclesiale, non sempre adeguatamente riconosciuto e non senza un oneroso carico di difficoltà e di resistenze; ma anche quella delle donne consacrate – religiose o laiche – che per secoli sono state escluse da qualsiasi forma di approccio allo studio della Bibbia e destinate esclusivamente ai servizi materiali nella Chiesa.

L’opera è stata dedicata alla periferia: quella dei poveri, quella degli ultimi, dei lontani, dei deboli, degli esclusi, quella degli oppressi dalle schiavitù di ogni genere. Quella degli abbandonati e dei mercanteggiati, quella di chi è solo al mondo. Il Vangelo dei vangeli è l’annuncio di una consolazione, di una bella notizia: quella dell’Amore che sfida e vince ogni male; quella della Libertà che disperde i malvagi tentativi di oppressione dell’essere umano sull’essere umano; quella della Solidarietà e della Comunione che si inchina a raccogliere, uno per uno, i frammenti esistenziali e morali, i brandelli di carne e di spirito, nel desiderio di congiungerli e articolarli – già e non ancora – in un unico splendido Corpo Risorto.

I Vangeli arrivano a Napoli con un appuntamento che si terrà, non a caso, lontano da quelli accademici: al CENTRO HURTADO di Scampia, periferia nord di Napoli, guidato dai Padri Gesuiti, presenti nel quartiere dagli anni ’90, che si sono sempre dedicati ad una attività essenzialmente pastorale ma hanno provato a proporre alla cittadinanza opportunità culturali e lavorative, allo scopo di sensibilizzare il territorio al cambiamento socio-culturale. Il Centro è, oggi, un importante polo di aggregazione del territorio che propone incontri culturali,cineforum, mostre di autori locali,caffè letterari e raccoglie al suo interno diverse realtà che portano avanti il progetto di formazione alla cultura e al lavoro nel cuore di Scampia.

Sottolinea Annalisa Guida, autrice e ideatrice della presentazione di Napoli: «Negli ultimi anni Scampia è stato il luogo dove il mio servizio di apostolato biblico ha avuto più senso e più spazio, e credo che sia lo spazio giusto, accanto a quelli istituzionali che il volume ha già attraversato, in cui un libro dedicato alle periferie possa parlare e far parlare,  soprattutto dei vangeli. Una presentazione a Scampia non è mai solo una presentazione in senso classico, deve essere un’occasione di crescita per il quartiere».

Appuntamento quindi martedì 27 maggio. Introdurrà l’incontro p. Sergio Sala sj, del Centro Hurtado. Modera Sergio Tanzarella, direttore dell’Istituto di storia del cristianesimo “Cataldo Naro”. Il programma prevede poi l’intervento di Anna Carfora: “La Bibbia alla donne. Storia di una sofferta appropriazione”. A seguire Annalisa Guida: “In ricordo di loro”: le figure femminili nel Vangelo di Marco”.

Mercoledì 27 maggio, ore 18.45 – Centro Hurtado, Viale della Resistenza 27-31, Napoli.

pres Scampia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...